PIZZO A PRIMA VISTA!

Moderna e romantica allo stesso tempo, questa è la sposa 2015.

Il pizzo si fa sempre di più protagonista e figura su decolleté, bustier, balze, velo e su tutti gli accessori fino a caratterizzare l’intero wedding dress.

 

0016.044 _MG_9091

Detto anche trina o merletto, il pizzo si divide in due categorie: quello realizzato con l’ago e quello al tombolo. Le principali tipologie di pizzo sono:

  • Valenciennes : di origine francese, è principalmente in lino, lavorato a tombolo ed ha un aspetto leggero e velato.
  • Chantilly : è un pizzo di alta qualità a motivi floreali tradizionalmente nel color crema.
  • Macramè : pizzo molto pesante e consistente, eseguito a mano con una serie di nodi e intrecci.
  • Sangallo : originario della Svizzera è un pizzo di cotone o lino traforato.
  • Rebrodè : è un tipo di lavorazione che indica quel ricamo a rilievo che corre lungo il bordo di pizzo.
  • A’ jour : ricamo a traforo, dal francese “a giorno” perché lascia passare la luce attraverso i fori.

Il pizzo è un elemento chiave negli accessori della sposa, soprattutto nel velo. Che sia corto, alle spalle o lunghissimo, una bordura in pizzo è quel tocco di raffinatezza che incornicia la silhouette della sposa. Se l’abito è in pizzo, il velo sarà minimale; al contrario se l’abito è sobrio si può optare per un velo interamente in pizzo, sullo stile delle mantiglie spagnole.

Raffinati ed eleganti anche i guanti in pizzo sono un must delle passerelle 2015.

Infine per mantenere il mood di romanticismo anche durante il ricevimento, questo materiale prezioso può essere impiegato nella mise en place. A tavola si può spaziare dalla tovaglia con applicazioni o bordura in pizzo ai tovaglioli annodati con un nastro macramè.                                             Il tema pizzo può essere sviluppato anche su elementi della scenografia: molto d’effetto i vasi di cristallo avvolti in ritagli di pizzo con all’interno bouquets di fiori o vasetti portacandele foderati con il prezioso merletto e sospesi tra i rami degli alberi con nastri di raso mossi dal vento.

Condividi questo articolo

Sull'autore: Silvia

Silvia

Sono Silvia Valbusa wedding planner e team manager di Sirmione Wedding, da sempre sono stata a stretto contatto con gli allestimenti floreali in quanto appartengo ad una famiglia di fioristi; ho quindi modo fin da giovane di assistere in prima persona e collaborare negli allestimenti di ogni tipo di cerimonia. Nel 1998 mi laureo in Scienze Politiche all’Università degli Studi di Padova ma è con l’arrivo in Italia della figura del wedding planner che mi appassiono a questa professione e partecipo ad un master “WEDDING PLANNER” organizzato da “Federfiori”; negli ultimi tre anni ho instaurato un’assidua collaborazione con wedding planner della zona che mi ha permesso di toccare con mano tutti gli aspetti e le problematiche di questo splendido lavoro. Nell'Aprile 2015 ho partecipato al corso per "Destination Wedding" tenuto a Pavia da Elisa Mocci, Wedding Planner e Designer di fama internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *