QUALI ACCESSORI LA SPOSA NON PUO’ DIMENTICARE

Quella che impone i cinque accessori da non dimenticare, è la tradizione più vecchia del mondo. Dall’amica più accorta, alla vecchia nonna, al wedding planner di successo, tutti concordano: nel giorno del matrimonio bisogna essere scaramantici e ci sono oggetti che la sposa “deve” a tutti i costi avere con sé.

UNA COSA NUOVA: è il simbolo di una vita diversa, una specie di avventura, un viaggio a due che sta per iniziare. Nessuna scusa è buona, quanto un matrimonio, per farsi donare un bel punto luce o la collana di perle che avete sempre sognato.

UNA COSA VECCHIA: anche il passato è importante e con tutto il suo bagaglio di esperienze non va dimenticato, nemmeno se vi state per sposare. Quindi preparatevi ad indossare con disinvoltura qualsiasi tipo di gioiello vi sarà donato… persino un diadema dei primi del Novecento.

NjpUs24nCQKx5e1GFDi9j2URtnn8LjJb2sF5tpcbYzw

UNA COSA PRESTATA: una persona cara dovrà darvi un oggetto a cui tiene in modo particolare, simbolo del suo affetto. In questo caso è meglio pilotarla altrimenti rischierete di dover indossare ninnoli orrendi o troppo appariscenti di zie o cugine.

UNA COSA REGALATA: come per la cosa prestata, è il segno tangibile dell’amore delle persone che vi circondano. Un bel paio di calze autoreggenti bianche, da indossare sotto l’abito, saranno perfette oppure i fiori freschi per l’acconciatura.

UNA COSA BLU: questo colore anticamente era il colore dell’abito da sposa e simboleggiava sincerità e purezza. Sicuramente vi chiederete: aiuto, e la cosa blu dove la metto? Lasciando perdere la solita giarrettiera, con tanto di lancio da parte dello sposo, che sicuramente il bon ton non ammette, potreste allora farvi ricamare con questo colore le iniziali di entrambi sull’orlo del vestito.

6razonesparacasarteconvestidodenoviacorto4

Condividi questo articolo

Sull'autore: Silvia

Silvia

Sono Silvia Valbusa wedding planner e team manager di Sirmione Wedding, da sempre sono stata a stretto contatto con gli allestimenti floreali in quanto appartengo ad una famiglia di fioristi; ho quindi modo fin da giovane di assistere in prima persona e collaborare negli allestimenti di ogni tipo di cerimonia. Nel 1998 mi laureo in Scienze Politiche all’Università degli Studi di Padova ma è con l’arrivo in Italia della figura del wedding planner che mi appassiono a questa professione e partecipo ad un master “WEDDING PLANNER” organizzato da “Federfiori”; negli ultimi tre anni ho instaurato un’assidua collaborazione con wedding planner della zona che mi ha permesso di toccare con mano tutti gli aspetti e le problematiche di questo splendido lavoro. Nell'Aprile 2015 ho partecipato al corso per "Destination Wedding" tenuto a Pavia da Elisa Mocci, Wedding Planner e Designer di fama internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *